Curiosità e divagazioni

mercoledì 13 marzo 2013

Posted by vic23 on 13:47:00 in | 3 comments

Al giorno d'oggi è diventato di vitale importanza cercare di ridurre gli sprechi di energia, studiando nuove soluzioni per produrne di alternativa sfruttando il sole o il vento, tanto per fare un paio di esempi; Jonathan Globerson, designer americano, ha messo a punto un prototipo che sfrutta proprio queste due energie.

Ha scelto di chiamarlo Greenerator, un nome piuttosto accattivante e incisivo, una scelta ben ponderata perché, scomponendo il termine si ottengono due parole, green e generator, ovvero generatore verde, generatore di energia pulita.

Il Greenerator ha dimensioni ridotte ed è stato studiato per essere utilizzato in prevalenza da chi abita in un appartamento e non può, come chi risiede in un'abitazione singola e/o privata, scegliere liberamente se predisporre un impianto solare oppure eolico sul tetto, piuttosto che in giardino, sul box, o comunque nella sua proprietà. Quando si tratta di un condominio, ci si va a scontrare con tutti gli occupanti e, in caso di non maggioranza, non è possibile optare per una soluzione che generi energia pulita.

Quest’idea la si può definire geniale perché, il Greenerator, viene applicato sulla ringhiera del balcone; non è tutto oro quello che luccica però, perché se il regolamento condominiale, o quello comunale, vietano applicazioni esterne al balcone, non sarà possibile apporlo, lasciando ancora una volta il condomino nell’impossibilità di essere più “verde”.

Greenerator è dotato di due gambe in metallo a forma di L da applicare all'interno del balcone, fissandole sul pavimento con le rispettive viti; due morsetti lo tengono invece ancorato alla ringhiera. Sulla sommità è inserito il controller che contiene inverter e supercondensatore, mentre, i cavi elettrici vanno attaccati alla corrente in casa, le due barre metalliche si protendono ad arco fuori dal balcone e, su di esse, è posizionato il pannello solare al cui termine è posta una turbina verticale simile a una trivella o all'elicoidale di una punta da trapano. Esteticamente appare di buon gusto, non ingombrante, dal look moderno e, in caso di necessità, se ne potrebbe apporre anche più di uno.

Il funzionamento è piuttosto semplice, se c'è il sole il pannello solare cattura l'energia da trasformare, in sua assenza invece, la turbina viene azionata dal vento e da questa produce energia elettrica; secondo il creatore dovrebbe permettere un risparmio annuo, sulla bolletta, del 6%, circa e, cosa non indifferente, permette anche di ridurre gli impatti ambientali delle sostanze nocive, le emissioni di anidride carbonica diminuirebbero di circa 900 kg e quelle di ossido di azoto di circa 2 kg.

Uno strumento ottimo sotto molti punti di vista, perfetto per chi rispetta l’ambiente e, in tempi di crisi, è anche adatto per risparmiare; non ha una potenza tale da far funzionare un forno a resistenza, ma un frigorifero si. Purtroppo al momento è un prototipo, pare che ancora non si siano trovati i finanziatori.

3 commenti:

  1. Speriamo riescano a trovare finanziatori, mi sembra un'ottima idea :-)

    RispondiElimina
  2. concordo con laura...
    monica c.

    RispondiElimina

Grazie per il tuo contributo. Tutti i commenti sono moderati e verranno pubblicati appena possibile.

loading...

Cerca nel blog