Curiosità e divagazioni

domenica 4 settembre 2016

Posted by Lavia T. on 12:21:00 in | No comments

Chiesa e Portico - TRESIGALLO                          Foto: Stefano Meneghini
Ci sono tante buone ragioni per visitare Tresigallo e i suoi dintorni. 

Per i buongustai ci sono i famosi cappellacci di zucca, per gli amanti della natura bellissimi paesaggi e per gli appassionati di arte ed architettura un esempio concreto e funzionale ben conservato di architettura razionalista, unica nel suo genere. 

Ma non mi fermerei qui, direi che Tresigallo è anche un ottimo esempio di BUON SENSO. Un paese che ha saputo fare dei suoi beni storici, salvaguardandoli, un punto di attrazione e cultura.

A differenza di quanto accaduto pochi anni fa a poca distanza, a Budrio, un paese bolognese della pianura padana, dove menti meno illuminate, hanno pensato bene di abbattere la prima stazione di onde medie voluta dallo stesso Marconi, perché ritenuta opera non degna di interesse architettonico e "dimenticandone" completamente il valore storico, simbolico, scientifico e tecnologico. 

A dire il vero inizialmente furono messi vincoli storici dalla soprintendenza dei beni architettonici e culturali che poi inspiegabilmente furono tolti. Ora l'area liberata dall "ostacolo" storico è libera e pronta per essere colonizzata da cemento e centri commerciali.  I simboli che meglio rappresentano la presente "civiltà". 


Ma ritorniamo al buonsenso di Tresigallo, un paese di circa 4500 abitanti, di origini medioevali, e situato nella pianura padana, a metà all'incirca tra Ferrara e Comacchio; nei suoi pressi scorre il Po di Volano ed è oggi centro di attrazione per gli appassionati di architettura razionalista sviluppata agli inizi del '900. 

Tresigallo in origine fu paese di confine tra l'esarcato di Ravenna ed il regno longobardo; nel cinquecento vennero avviate importanti attività di bonifica dagli Estensi e durante il 1517 ed il 1533 venne realizzato, a circa 1 km dal centro del paese, Palazzo Pio da parte dei Principi Pio di Savoia. 

Il Palazzo, fino a poco tempo fa apparteneva a privati e solo recentemente è stato acquisito da parte del Comune di Tresigallo che ha in programma diversi progetti di recupero. Palazzo Pio, forse pensata come residenza di caccia, è l'unica testimonianza del periodo pre-razionalista, con una struttura formata da un corpo principale a due piani e provvista di torre laterale conserva al suo interno alcune tracce di affreschi cinquecenteschi. 

Ma Tresigallo vive il suo periodo più importante a partire dai primi anni '30, con la realizzazione di una strada a lunghi rettifili per accorciare le distanze verso Ferrara. Questo comportò anche una grande rinascita del paese poiché sorsero piazze, nuove strade, centri sportivi, teatri, ospedale, scuole e diverse infrastrutture industriali. 

Tutte le nuove costruzioni furono realizzate allo scopo di frenare l'esodo verso la città e vennero progettate e realizzate con la logica urbanistica e simbolica del tempo, che oggi individuiamo come architettura razionalista; tutto ciò fu voluto e realizzato dall'allora ministro dell'agricoltura Edmondo Rossoni, nativo di Tresigallo dalle origini sindacaliste rivoluzionarie. 

Nel tempo queste architetture furono salvaguardate e conservate facendo di Tresigallo e della sua unicità "Città del Novecento", caratterizzata da uno stile architettonico ed urbanistico razionalista, un esempio a scala reale delle teorie di scuola tedesca sulla progettazione democratica della "città nuova", un centro architettonico di grande interesse per esperti e studiosi della materia. 

Visitare Tresigallo regala suggestioni architettoniche di un periodo preciso che fa parte della storia, e numerosi sono gli edifici da vedere; in particolare la piazza a forma di "D", la chiesa e il porticato ricco di bassorilievi, gli incroci delle strade con gli edifici dalle facciate simmetriche.

Una guida architettonica ben fatta per la visita del paese si trova direttamente nel sito del Comune di Tresigallo.

Un libro consigliato per gli appassionati è : 


Ex Casa della G.I.L.                           Foto: Stefano Meneghini
Ex - Spogliatoi e Bagni                           Foto: Stefano Meneghini
Bar ROMA - Tresigallo                           Foto: Stefano Meneghini
Scuole elementari                               Foto: Stefano Meneghini
Asilo per l'infanzia                                   Foto: Stefano Meneghini
  Domus Tua (ex sala da ballo)   -     Foto: Stefano Meneghini
Campo Sportivo                              Foto: Stefano Meneghini






martedì 30 agosto 2016

Posted by Lavia T. on 00:46:00 in | No comments
Soggiornare in Australia
L’Australia, in passato, ha goduto di una buona reputazione nell’immaginario italiano e tante persone hanno realizzato i loro desideri; quello di abitare in Australia o lavorare in Australia, in una sorta di fuga immaginaria dalla realtà del nostro paese. 

Ma non sono mancate le disillusioni e le denunce relative a sfruttamento del lavoro ed altri maltrattamenti.  Nonostante questo,  l'Australia è ancora meta ambita, anche e soprattutto per turismo.

Sidney e Melbourne sono le città più nominate, tanto che molti spesso credono che una delle due città  possa essere la capitale dell’Australia, ma in realtà è Canberra, città con poco più di 330.000 abitanti. 

L’Australia, una delle più grandi isole del nostro pianeta, è splendida da visitare e, indimenticabile, resta nel cuore di chi ha la fortuna di potervi soggiornare; per evitare contrattempi e problemi, anche di natura burocratica, è bene però viaggiare informati e prendere tutte le precauzioni necessarie affinché il soggiorno si riveli perfetto. 

Per raggiungerla, il mezzo più comodo e rapido è senza dubbio l’aereo. Un volo Italia Australia impiega una ventina di ore per coprire la tratta; aeroporti e scali nel continente sono numerosi perciò, a seconda di dove ci si dovrà recare, con buona probabilità si riuscirà a trovare quello più comodo. 

La rete di trasporti è molto varia, ci si potrà spostare con voli interni, treni, autobus, taxi e traghetti mentre, chi volesse muoversi in maniera autonoma, disponendo di una patente internazionale (o tradotta in lingua inglese), avendo compiuto 21 anni ed essendo in possesso della patente da almeno 12 mesi, potrà noleggiare una macchina, ricordando che però la guida è sul lato sinistro. 

E’ utile sapere che i controlli doganali sono severi e non è possibile portare cibi freschi mentre, nel caso di medicinali, sarebbe buona norma far compilare al proprio medico una certificazione che attesti la patologia e la necessità di principi attivi ben definiti. 

Un passaporto valido (con validità rimanente di oltre 6 mesi) è necessario per espatriare così come, in caso di viaggio turistico lo è il visto, l’e-visitor o l’ETA, la versione elettronica del visto che può essere richiesta anche presso agenzie di viaggio o compagnie aeree; in caso di viaggio d’affari è utile richiedere l’e-visitor, l’ETA o il visto d’affari, in caso di vacanza-lavoro, investimento, lavoro o per motivi di studio si potranno richiedere vari tipi di visto, in base alla presenza o meno di alcuni prerequisiti. 

Per informazioni sul visto da richiedere e le procedure necessarie è necessario contattare l’ESC (Europe Service Centre) dal lunedì al venerdì, dalle 10 alle 17 al numero 06-87500780 oppure, sul sito Australian Government  - Department of immigration è possibile, compilando un formulario, scoprire il tipo di visto necessario per poter entrare in territorio Australiano. 

Non sono richieste vaccinazioni a meno che non si provenga da paesi in cui sia presente la febbre gialla ma, appena giunti sul territorio ci si dovrà autodenunciare a un centro Medicare per ottenere una copertura sanitaria ed un eventuale rimborso per le spese sanitarie; chi si reca nel Western Australia dovrà portare da casa o comprare in loco repellenti contro le zanzare, una precauzione essenziale per la presenza di una specie che trasmette un’infezione virale particolarmente fastidiosa. 

La protezione solare è inoltre importantissima e non può essere mai dimenticata, in nessuna ora della giornata. Le precauzioni da prendere non si fermano qui perché seppure le strade siano in ottimo stato, quando ci si allontana da quelle più battute si rischia di viaggiare per molto tempo in completo isolamento, senza incrociare altri automobilisti e “scontrarsi” con strade dalla manutenzione poco curata; per questo motivo è consigliabile, partendo per un tour in solitaria, procurarsi acqua, cibo e avvertire qualcuno della méta. 

Vacanze in Australia
Impossibile non spendere due parole sulla lingua più parlata che qui è l’inglese o inglese australiano (nel corso del tempo ha infatti subito contaminazioni e “storpiature” rispetto a quello che conosciamo noi), seguita dal francese mentre, per quel che riguarda il fuso orario ce ne sono ben 3: il Western Australia è avanti 7 ore rispetto all’Italia, il centro 8 ore e trenta mentre Tasmania, Victoria, Queensland e South Wales sono avanti 9 ore.  Volendo visitare l’intera Australia si dovrà mettere in conto di portare capi di abbigliamento molto diversi tra loro e, soprattutto partire con il presupposto che le stagioni sono inverse alle nostre; le varie aree hanno microclimi differenti però, l’ideale è organizzare il viaggio al di fuori del periodo delle piogge che allagano tutto e rendono inagibili molti luoghi, perfetto perciò programmare la partenza da aprile fino a settembre La valuta usata è il dollaro australiano indicato con la sigla A$ 
Dollaro Australiano A$
Una volta arrivati per altre necessità ci si potrà comunque rivolgere all’ Ambasciata Italiana in Australia situata a Canberra, l’indirizzo completo è: 12 Grey Street , Deakin, Canberra, Act 2600. Telefonicamente può essere raggiunta al +61 262733333 mentre via mail può essere contattata agli indirizzi ambasciata.canberra@esteri.it o ufficioconsolare.canberra@esteri.it.  Esistono poi consolati sparsi sul territorio, a Sidney, Melbourne, Brisbane, Adelaide, Perth, oltre i consolati onorari a Hobart, Griffith, Newcastle, Wollongong, Cairns, Townsville, Darwin.

venerdì 29 luglio 2016

Posted by Lavia T. on 14:17:00 in | No comments
Per chi cura blog e siti internet, poter disporre di immagini in vari formati e, soprattutto gratuite, è essenziale; tra le tante risorse disponibili in rete, Openclipart si dimostra utile, semplice e intuitiva.

Come suggerisce il nome, agli utenti è messa a disposizione una serie molto ampia di clip art free, scaricabili e riutilizzabili liberamente; creato nel 2004, questo grande archivio garantisce che il materiale scaricato sia libero da copyright poiché chi carica il materiale rinuncia ai diritti.

I formati grafici sono SVG e PNG e possono essere inseriti in qualsiasi contesto perciò, con assoluta tranquillità, è possibile prelevare un’immagine e modificarla.

Utilizzare il servizio è semplicissimo, per comodità è possibile fare il download una sola clipart oppure, nel caso servano molte immagini a tema, utilizzare una delle gallerie disponibili; questa seconda opzione è molto utile per avere immediatamente a disposizione una quantità maggiore di materiale senza dover impiegare più tempo a cercare ciò che potrebbe servire.

venerdì 22 luglio 2016

Posted by Lavia T. on 00:07:00 in , | No comments



Temete di subire furti nella vostra abitazione perché dovete partire per le vacanze o per un viaggio ? 
I vostri vicini di casa hanno appena subito un furto e cresce l'esigenza di sentirsi più sicuri ? 
La soluzione giusta che fa per voi esiste e si chiama Sicuritalia protezione24, un antifurto di eccellenza che utilizzando la migliore tecnologia è in grado di proteggere qualsiasi abitazione dai tentativi di furto. 

Sicuritalia protezione24 è dotato di diverse caratteristiche come per esempio tecnologia wirless, videocamera o fotocamera ecc. 

Ma uno dei punti di forza di questo eccezionale antifurto è che l’impianto ha batterie interne a grande autonomia e funziona anche in assenza di alimentazione elettrica garantendo così una autonomia di anni, molto più lunga del normale.


Le videocamere di Sicuritalia Protezione 24  , possono registrare anche al buio e le telecamere essendo totalmente integrate con il sistema di sicurezza, sono in grado di inviare il filmato alla Centrale Operativa per un’analisi puntuale e approfondita della situazione. 

In moltissimi paesi del mondo si è sviluppato un modello di protezione che si basa su un collegamento costante e continuo H24, tra l’antifurto della casa e la Centrale Operativa per monitorare la sicurezza dell’abitazione. 

Questo servizio ora è offerto anche in Italia da Sicuritalia. Protezione 24, infatti, nasce dall’esperienza di oltre 60 anni di storia di Sicuritalia, il leader in Italia del settore della Sicurezza. 

Nel caso di Sicuritalia Protezione 24 la Centrale Operativa e l’attivazione dei soccorsi rappresentano l’elemento qualificante del Sistema di Sicurezza.


È possibile gestire in remoto il sistema di sicurezza della propria abitazione. 

Grazie alla App studiate specificamente per il sistema di sicurezza è possibile attivarlo e disattivarlo, ricevere immagini della propria abitazione in tempo reale e notifiche su chi lo ha attivato o disattivato. 

La soluzione Sicuritalia Protezione24 è un vero pacchetto chiavi in mano che prevede la progettazione e personalizzazione del sistema; l’installazione professionale e la manutenzione per tutta la durata del contratto, oltre naturalmente, la completa dotazione dell’antifurto casa e il servizio di collegamento con la Centrale Operativa.



martedì 24 maggio 2016

Posted by Lavia T. on 09:42:00 | No comments
-  Urania n° 11 - CRISTALLI SOGNANTI (10/03/1953)
di THEODORE STURGEON - Copertina di c. Caesar  -
Questo racconto di Urania faceva parte della collezione che mio zio custodiva nella sua camera e che io mi lessi tutto d'un fiato e con particolare avidità. Mi rimase impressa sia la storia che la copertina (quella del 1963) èe così mi ha fatto piacere rispolverare un po' di storia di Urania.

Si narra la storia di Horty, che a 8 anni fugge dalla casa dei genitori adottivi, dopo una furiosa lite con il patrigno, che gli ha causato la perdita di tre dita della mano sinistra.

Viene accolto clandestinamente presso il luna park di Pierre Monetre, un ex medico che cova un grande odio per l'umanità e nutre una forte ossessione verso una forma di vita aliena dotata di grandi poteri: i cristalli.
Essi sono in grado di duplicare e creare la vita, e sono suscettibili agli ordini mentali.
Monetre da tempo esegue esperimenti mentali su di essi, cercando di forzarli a creare un intermediario, un essere di forma umana che gli permetta di ordinare loro di distruggere il genere umano.


martedì 26 aprile 2016

Posted by Lavia T. on 10:08:00 in | No comments
Si può dire che anche in Italia abbiamo i nostri avvistamenti tipo "mostro di Loch Ness" Nel 2007 si leggeva tra le cronache bresciane: .. due sub professionisti dichiarano di aver avvistato a 25 metri di profondità, un siluro lungo più di cinque metri nelle acque del Garda (di fronte a Gargnagno). Un fatto questo alquanto strano ma non impossibile visto che i siluri possono raggiungere quelle dimensioni.Un altro pescatore di Garda dichiara alla stampa di aver visto nell'settembre 2006 una grossa pinna di pesce nelle acque antistanti il paese. Nel agosto del 1965 il giornale "L'Arena" pubblica un articolo su un avvistamento di un pesce mostruoso nel Garda.... "  Di questi avvistamenti, al momento, non ho trovato alcuna foto.

Se fossimo abituati a vedere "strani pesci" o "pesci mostruosi" più frequentemente li consideremmo un po' meno mostruosi, oppure no ?

Certo che alcuni di questi pesci sono davvero spaventosi e nessuno vorrebbe trovarsi faccia a faccia con loro, nel loro habitat; soprattutto considerato che alcuni di loro sono davvero aggressivi.


PESCE TIGRE (TIGERFISH)

I tigerfish (pesce tigre) possono essere considerati l'equivalente africanom dei piranha del Sud America, anche se appartengono ad una famiglia completamente diversa, ma sono famosi per la loro ferocia. Hanno denti affilati come rasoi che sono ad incastro, corpi snelli e velocissimi. I tigerfish sono predatori aggressivi ed hanno un sacco pieno di gas nel corpo che viene utilizzto come un ricevitore audio. Questo trasmette le vibrazioni dall'acqua, consentendo di individuare tutti gli animali vicini e rispondere di conseguenza. Quando il cibo è scarso il tigerfish possono ricorrere al cannibalismo e possono attaccare mortalmente anche gli esseri umani. Ci sono diverse specie di tigerfish e possono essere di varie dimensioni. Alcune specie possono superare anche i due metri di lunghezza.
Pesce Tigre


SQUALO FRILLED (Shark Frilled)

Lo squalo frilled ( Chlamydoselachus anguineus ) si può trovare sia nell' Atlantico che nel Pacifico. Si tratta di una specie rara che generalmente si muove vicino al fondo e raramente si porta verso l'alto.  È stato catturato in acque profonde intorno ai 1500 mt, ma in Giappone è più comune trovarlo a profondità di 50-200 m.  Sembra un pesce abbastanza primitivo a tal punto che è stato definito un " fossile vivente ". Può raggiungere una lunghezza di 2 m ed ha un colore marrone scuro, un corpo con movimenti che ricordano l'anguilla ed il suo nome deriva dalle frange delle fessure branchiali , di cui ci sono sei coppie con la riunione prima coppia attraverso la gola. Osservato raramente, lo squalo frilled cattura la sua preda piegando il corpo e balzando in avanti, come un serpente. Le lunghe mascelle estremamente flessibili consentono di ingoiare prede di grandi dimensioni, mentre le numerose file di piccoli denti aghiformi evitano la fuga. Si nutre principalmente di cefalopodi , ma può consumare pesci ossei e altri quali. Questa specie è vivipara: gli embrioni sono in capsule costituite da uova, con una specie di tuorlo che le avvolge. Il periodo di gestazione è lungo circa tre anni e mezzo: la più lunga di qualsiasi vertebrato . Per ogni schiusa nascono tra 2 e 15 piccoli e non esiste una distinta stagione riproduttiva. L' Unione Internazionale per la Conservazione della Natura (IUCN) ha valutato come a rischio di estinzione questa specie , per il suo basso tasso di riproduzione.
Squalo Frilled

PESCE BLOB

Il pesce blob appartiene alla famiglia Psychrolutes, genere "marcidus". In effetti ... Questa specie vive nell'Oceano Pacifico sudoccidentale, nelle acque costiere australiane meridionali, a una profondità compresa tra i 600 e i 1.200 metri. Attualmente è a rischio di estinzione a causa della pesca a strascico sui fondali. Presenta un corpo flaccido, poco compresso ai fianchi, con testa grossa e occhi grandi. Le pinne sono ampie e arrotondate. La livrea è semplice: tutto il corpo è grigio rosato, chiazzato di bruno. La bocca e le labbra sono bianco-rosate. La carne di questo pesce è costituita per la maggior parte da una massa gelatinosa di densità leggermente inferiore a quella dell'acqua, che gli permette di galleggiare sopra il fondale senza sprecare energie nuotando. A causa dell'inaccessibilità del suo habitat, è stato studiato e fotografato raramente in natura. Raggiunge una lunghezza massima di 30 cm.
Pesce Blob

PESCE LUPO

Anarhichas lupus, conosciuto in italiano come pesce lupo o lupo di mare, è un pesce osseo appartenente alla famiglia degli Anarhichadidae. L'aspetto generale di questo pesce è simile a quello di una grande bavosa (pesce della famiglia Blenniidae comprende circa 400 specie di pesci bentonici).  Il corpo è allungato e compresso lateralmente, la testa grande e rotondeggiante, la bocca ampia con forti mascelle dotate di 10-12 denti caniniformi robusti e ben visibili che ogni anno vengono cambiati. Le pettorali sono larghe, adatte ad ancorare il pesce sul fondo roccioso. La parte superiore della testa, i fianchi, il dorso e le pinne sono grigio-azzurri, nerastri o rossicci con alcune fasce verticali non ben distinte di colore scuro, la parte inferiore è biancastra con punti scuri. La taglia massima è di 150 cm per oltre 20 kg di peso. Ma se questo è vero allora l'esemplare nella foto non è un pesce lupo o almeno non un pesce lupo normale, perchè nella foto c'è un esemplare mostruosamente lungo.  Il pesce lupo è comune nell'Oceano Atlantico dal Golfo di Guascogna all'Islanda e alle coste della Groenlandia e della Lapponia, nella parte occidentale di questo oceano è presente sulle coste canadesi e degli USA a sud fino al New Jersey.  È riportata la cattura di un esemplare nel mar Mediterraneo, in Liguria (Varazze), nel 1958.  Vive su fondi rocciosi a profondità fino a 600 metri (di solito non oltre 100). I giovani si incontrano anche in acque costiere.
Pesce Lupo
Pesce lupo dalle dimesioni eccezionali

lunedì 15 febbraio 2016

Posted by Lavia T. on 09:17:00 in | No comments

DAVID ICKE. World Wide Wake Up Tour 2016/2017 - Rimini - 22 Ottobre 2016

Prezzo € 53,28 + IVA (€ 65,00)
invece di € 95,00 Sconto 32 %
(Risparmi 30,00 €)



GRANDE'ATTESA PER DAVID ICKE
DOPO 5 ANNI  TORNA IN ITALIA CON UNA UNICA DATA ITALIANA DEL SUO TOUR MONDIALE 

David Icke, l'autore più controverso al mondo, da un quarto di secolo è impegnato a svelare i segreti dell'Universo, della realtà e delle forze che si manipolano. 

Ciò che un tempo veniva ridicolizzato e rifiutato, ora riceve continue conferme e consensi, e Icke, a lungo oggetto di scherno, viene ormai riconosciuto come un precursore. 

Dopo l'evento all'Arena di Wembley nell'Ottobre 2012, Icke diventa un paladino della controinformazione. 

E' ormai lontano quel giorno del 1991 in cui Icke, giornalista sportivo della BBC, si presenta nella trasmissione televisiva di Terry Wogan, facendo due dichiarazioni shock: si autoproclamò "Figlio della Divinità" e predisse immani catastrofi naturali che avrebbero devastato il Regno Unito. 

Il pubblico in studio, attonito, dopo un primo momento di sconcerto, scoppia a ridere e lo ridicolizza in diretta nazionale. 

25 anni dopo, nel 2016, Icke torna proprio presso lo Sheperds Bush Empire - negli studi in cui avvenne la famosa intervista con Wogan - per annunciare il suo nuovo World Wide Wake Up Tour, che toccherà anche l'Italia. 

Ci sono tre categorie di persone: quelle che vedono, quelle che vedono quando qualcuno mostra loro cosa vedere e quelle che non vedono affatto. Leonardo da Vinci




sabato 13 febbraio 2016

Posted by Lavia T. on 12:11:00 in | No comments
 

Dal 19 gennaio al 31 marzo 2016, a fronte di un ordine di Buoni Regalo Amazon del valore di almeno 50 € ricevi un Buono Sconto di 10 € utilizzabile per i tuoi acquisti su Amazon.it.

I Buoni Regalo Amazon sono comodissimi e molto utili in tutte quelle occasioni in cui non si sa cosa regalare, oppure quando si arriva all'ultimo minuto poichè si tratta di regali che si possono fare online ed inviare per email. Esistono però Buoni Amazon che sono contenuti in belle confezioni e che possono essere consegnati anche a mano .

Per ottenere il buono sconto di 10 euro clicca sul link 


Leggi bene le condizioni e segui la procedura che troverai descritta nel link indicato.

Passo 1. Clicca sul pulsante sotto prima di procedere all’ordine dei Buoni Regalo:
Passo 2. Effettua un ordine di uno o più Buoni Regalo dello stesso tipo per un valore di almeno 50 euro:
Passo 3. Riceverai il Buono Sconto del valore di 10 euro via email
Passo 4. Utilizza il Buono Sconto

Per utilizzare il Buono sconto :

- Inserisci il Buono Sconto di 10 euro che hai ricevuto via mail nel campo “Buoni Regalo e codici promozionali”, nella pagina di conferma ordine, prima di procedere all’acquisto.
- Puoi utilizzare il Buono Sconto fino al 15 maggio 2016 per ordini su Amazon.it.
- Verifica le limitazioni nei Termini e Condizioni della promozione.






mercoledì 20 gennaio 2016

Posted by Lavia T. on 13:49:00 in | No comments
Caper Movie
Il caper movie, detto anche heist movie, può essere considerato come un genere della categoria dei film polizieschi che focalizza interamente l’attenzione sul compimento di un furto, di solito un colpo grosso e non il furtarello di quartiere. 

Nato all’inizio del secolo scorso, al punto da far rientrare in questo genere anche alcuni film appartenenti al cinema muto, ha vissuto però il suo momento d’oro nella metà del ventesimo secolo con pellicole come Giungla d’asfalto, Rififi, Colpo grosso, tanto per fare alcuni esempi. Sempre negli anni ’60 viene girato Ocean’s Eleven, appartenente a questo filone e protagonista di un remake del 2001.

Lo svolgimento della trama è lineare e logico, la sequenza segue uno schema ben preciso e lo spettatore sa già, approcciandosi alla pellicola, come si “srotolerà” la storia; 3 sono i passaggi fondamentali, le tappe che partendo dalle prime battute, arrivano alla conclusione.

La prima parte è quella della messa a punto del furto; chi lo organizza è di solito un personaggio losco, un ex carcerato, un poliziotto corrotto, un criminale oppure una banda di criminali ben organizzati. La prima cosa da fare e decidere ciò che si dovrà rubare, dovrà essere un gran colpo che sortisca un certo effetto e che richieda, naturalmente, una doverosa preparazione. Perché questo possa avvenire, i malintenzionati dovranno dimostrare di conoscere, e far sapere agli spettatori, della presenza di eventuali sistemi di allarme; dovrà essere deciso però anche chi parteciperà al furto, la dislocazione del “tesoro”, quali tecniche si utilizzeranno per portarselo a casa. In poche parole, si dovrà definire il piano attorno cui tutta la trama dovrà poi girare.

Con l’avvento della tecnologia, anche gli strumenti utilizzati dai ladri si sono evoluti e hanno fatto ricorso a strumenti più sofisticati e, naturalmente, anche persone in grado di utilizzarle al meglio.

La seconda fase è quella della messa a segno del colpo; di solito riesce con successo tuttavia, per non rendere scontata la storia, vengono introdotti colpi di scena ed eventi inattesi che tengono alta la tensione e l’attenzione del pubblico.

L’ultima parte è quella in cui emerge il doppiogiochismo di uno o alcuni membri del gruppo di ladri che vogliono appropriarsi dell’intero bottino lasciando gli altri a bocca asciutta; fino a non molto tempo fa, questo dava vita a una faida che portava alla morte o cattura del gruppo intero mentre, al giorno d’oggi, la tendenza sembra essere cambiata e compaiono le prime pellicole in cui i malviventi riescono a scamparla, soprattutto se a essere derubate sono agenzie, società, casinò e in quei casi in cui la rapina sia vista come una sorta di “vendetta” verso soggetti che tendono a impoverire o guadagnare soldi in maniera “sporca”.

In tutto questo, le indagini della polizia avvengono, tuttavia sono solo marginali; non viene data loro rilevanza e sono accennate, anche se non sempre.

lunedì 28 dicembre 2015

Posted by Lavia T. on 08:40:00 in | No comments
Dall'Italia, dal medio evo, attraversando  il periodo gotico (seconda metà del XV secolo) si arriva fino al Rinascimento dove i temi pittorici si svincolano dalle tematiche religiose.

In questo periodo la cosa importante è riconoscere la bellezza e capire come esprimerla. I nuovi concetti prendono spunto dalla civiltà e dall'arte greco-romana che mette in primo piano la natura e le cose naturali. Le personalità iniziano a richiedere ritratti, le decorazioni sono semplici, il nudo femminile comincia ad appropriarsi dei temi principali delle opere e si ritorna allo studio della figura umana.

Il disegno ascende grazie a nuove forme volumetriche e nuove tecniche di colore. Il gioco di luci e ombre, insieme con la prospettiva, rendono il disegno più vicino alla realtà.  Tanti nuovi pittori emergono in questa nuova visione della pittura El Greco, Miguel Angel, Botticelli, Leonardo da Vinci

In particolare  Leonardo si distingue dagli altri per il suo grande desiderio di indagine, che lo portano  a studi di anatomia, invenzioni, dispositivi tecnici, e nuove tecniche nell'uso della luce nei disegni. Anche la tecnica dello sfumato, che dissipa la linea del contorno con il disegno aiutano ad aumentare il senso di profondità e dare maggior naturalezza al disegno.
La tecnica del disegno cessa di essere qualcosa di spontaneo e soggettivo per diventare una vera disciplina.

Il periodo barocco si estende fino al settecento e si distingue per l'utilizzo esagerato di tutte le risorse sviluppate fin dal Rinascimento per esprimere una vasta gamma di atteggiamenti, dalla calamità, alla povertà fino allo splendore della ricchezza.
Con il barocco si perde l'uniformità e la naturalezza nel disegno con l'intento di attrarre e stupire.

Dal XIX secolo in poi prendono il via una moltitudine di stili: il romanticismo, realismo, impressionismo, espressionismo, fauvismo, cubismo, futurismo, surrealismo ...




sabato 12 dicembre 2015

Posted by Lavia T. on 10:17:00 in | No comments

Un particolare fascino esercitano le città fantasma che si possono incontrare viaggiando; spesso delle vere e proprie rivelazioni di storie, società e culture poco note e che generano, nei fortuiti visitatori, un misto di sentimenti tra stupore e curiosità per le vicende passate.



PLYMOUTH, MONTSERRAT


Nell'estate del 1995, il vulcano delle Soufrière Hills iniziò a eruttare e Plymouth scomparve sotto la cenere.  Fino a qualche tempo fa citando Montserrat veniva subito in mente un tipico angolo da cartolina: spiagge dorate, acque limpide e un'atmosfera spensierata che attirava viaggiatori da tutto il mondo ora l'isola continua a offrire la possibilità di fare escursioni in barca a vela o immersioni straordinarie, oltre che di visitare la 'moderna Pompei'.


CRACO, ITALIA


In provincia di Matera questo suggestivo paesino si può definire "unantico abitato dai piedi di argilla"
Il paese medievale dell'Italia meridionale sopravvisse per secoli prima della guerra, dell'emigrazione e dei terremoti degli anni '50 che ne dissestarono le fondamenta.
Un muro di sostegno costruito frettolosamente trattenne l'acqua che bagnò l'argilla causando frane che resero pericolante l'intero paese. La popolazione perferì trasferirsi a valle lasciando Craco in alto, dominare la vallata come una fatiscente sentinella abbandonata.


PRIPYAT, UCRAINA 


Davvero tremenda questa città.. C'è una ruota panoramica ferma e desolata, gli autoscontro si sono ricoperti di erbacce, le case iniziano a sbriciolarsi, automobili arrugginite e treni abbandonati: stiamo parlando della 'Alienation Zone',  intorno al sito del  disastro nucleare di Chernobyl. Prypyat, fu costruita per gli operai che lavoravano nel famoso impianto, era considerata una città modello ed aveva una popolazione di 50.000 persone. Nel 1986, fu abbandonata in soli due giorni dopo l'esplosione di un reattore da cui si levò una nube radioattiva che ricoprì le zone circostanti. Si organizzano tour del centro abbandonato. Il costo di una visita a Chernobyl e Pripyat è più conveniente se si è in gruppo.


SILVERTON, AUSTRALIA 


Questa cittadina ora è diventata un ottimo set cinematografico ma nel 1880 circa, Silverton era una piccola comunità sorta e cresciuta per l'estrazione dell'argento.Con l'apertura di nuove miniere nelel vicinanze, buona parte della popolazione si trasferì portandosi dietro ogni cosa.. anche le case ! Non rimane molto del paese oggi, ma alcuni edifici significativi come l'albergo e la prigione e la terra rossa di cui è circondata la rendono ideale per le location cinematografiche; non a caso vi sono stati girati svariati film, tra cui Priscilla, la regina del deserto.

PYRAMIDEN, SVALBARD, NORVEGIA


Pyramiden è una città fantasma dove può capitare di incontrare una renna oppure anche un orso polare che vagano per le strade deserte. La cittadella fu venduta nel 1927 dagli svedesi a una comunità di minatori russi ed assunse l'aspetto tipico di una comunità sovietica. Negli anni '90 il carbone iniziò a esaurirsi e la società si allontanò velocemente. Ci sono ancora i libri sugli scaffali della biblioteca e le altalene nel parco giochi.Il freddo estremo conserverà questo centro congelato dal tempo ancora per anni. Pyramiden si raggiunge in barca con una guida armata di fucile per spaventare gli orsi polari.

 

venerdì 20 novembre 2015

Posted by Lavia T. on 18:45:00 in | No comments
Ted x Bologna
Ho assistito con entusiasmo al recente TED x BOLOGNA che si è svolto lo scorso 24 ottobre presso l' Auditorium Unipol di Bologna. 

È stato un grande evento ed il titolo della manifestazione era "Tradizionalmente Innovativi", ottimo spunto per far incontrare due scuole di pensiero apparentemente contrapposte.

Ho ascoltato tante esperienze di successo e mi ha stupito la caparbietà con cui alcuni degli speaker presenti hanno portato avanti il loro progetto, il "sogno" da inseguire a tutti i costi. Tutti gli interventi sono stati appassionati ed a breve i video dovrebbero apparire sul portale TEDxBOLOGNA, dove sarà possibile rivederli.

Sebbene la manifestazione sia già molto ricca di contenuti, un suggerimento per il prossimo TED mi piacerebbe lanciarlo. Pensavo ad una iniziativa che potrebbe intitolarsi "una seconda chances per le idee rimaste nel cassetto".  

L'idea mi è venuta dopo aver pensato a mio padre, con tanta passione per la meccanica e che ha dedicato tanti anni a trastullarsi nel tempo libero, con un suo brevetto che riguardava la gabbiettatrice automatica ; ma l'ispirazione è venuta anche dopo aver visto due Ted's del 2013.



I due TED'S a cui mi riferisco trattano il tema del processo creativo e della nascita delle idee. I video mi sono piaciuti molto; alcuni brevi passaggi li ho voluti anche riproporre in un breve video, che ho ricomposto in maniera "molto artigianale".

Cedric Villani e Valentino Tosatti
Cedric Villani, eccentrico e geniale matematico (indossa sempre giacca nera e panciotto, una colorita cravatta Lavallière e una vistosa spilla a ragno) diventato famoso nel 2010 per aver vinto la Medaglia Fields per i suoi lavori sull’equazione di Boltzmann è anche un portento nello spiegare l'evoluzione del processo  creativo e la nascita delle idee.
Approfondendo la conoscenza di Cedric Villani, ho casualmente trovato nel suo sito una foto in cui è insieme a mio cugino Valentino, giovanissimo ed eccelso matematico che ora vive ed insegna alla Northwestern University. 

Nel secondo Ted, Uri Alon incita a fare un "salto nel buio" perché la scienza possa diventare innovativa ed a smettere di pensare alla ricerca come una linea retta tra domande e risposte, bensì come a qualcosa di più complesso e creativo. 





L'iniziativa "Una seconda chances per le idee rimaste nel cassetto" potrebbe essere una sezione a parte della manifestazione, da dedicare a quei progetti che per qualche motivo non hanno trovato una immediata concretizzazione ma che possiedono un buon potenziale di sviluppo.

Non entro nel merito di come potrebbe essere sviluppata questa iniziativa perché si potrebbero fare mille formulazioni diverse, tutto dipende dall'interesse effettivo che potrebbe sviluppare, dalle risorse da mettere a disposizione, dal tempo e da tantissimi altri fattori. 

Questa iniziativa avrebbe però il pregio di enfatizzare la filosofia alla base dei TED'S cioè la CIRCOLAZIONE DELLE IDEE ed aumentare l'interattività tra gli organizzatori ed i fruitori dell'evento.  





[20/11/2015] 

giovedì 19 novembre 2015

Posted by Lavia T. on 13:50:00 in | No comments
Crateri
Crateri formati dall' impatto di meteoriti ed altri oggetti

Quando un meteorite impatta sulla superficie di un pianeta come Marte, Mercurio oppure su un satellite come la Luna, si formano dei crateri chiaramente visibili. 

Ogni corpo celeste nello spazio viene continuamente bombardato da meteoriti, asteroidi, comete

Questo avviene anche per la Terra, ma in questo caso i crateri non sono sempre chiaramente visibili come per altri pianeti a causa della cancellazione ad opera dell'erosione degli agenti climatici o per la trasformazione indotta dalla tettonica terrestre, nel corso del tempo. 

Sulla superficie terrestre si contano quasi 170 crateri dovuti ad impatto con meteoriti ed altri corpi provenienti dallo spazio.  Questi crateri variano da un diametro di poche decine di metri fino a circa 300 km. L'età dei primi crateri è databile intorno a circa due miliardi di anni fa. I crateri più facilmente individuabili sono quelli più recenti che hanno subito meno trasformazioni nei secoli.

giovedì 12 novembre 2015

Posted by Lavia T. on 16:07:00 in | No comments

La Bicicletta Elettrica Epicity, a pedalata assistita è particolarmente adatta per uso quotidiano e cittadino.

Sempre più di frequente vediamo nelle nostre città sorridenti persone su biciclette a pedalata assistita, veicoli moderni ed eleganti che consentono a tutti di muoversi in assoluta agilità e comodità.
Veicoli elettrici, ovvero dotati di un leggero motore che aiuta le persone facendosi carico di una parte del loro sforzo fisico, simili alle biciclette tradizionali, ma con un segreto.

Ricordiamo che le bici elettriche funzionano grazie all'azione congiunta del ciclista e del motore.
A differenza di altri mezzi di trasporto, le biciclette a pedalata assistita sono anche eco compatibili, perfettamente in sintonia con il desiderio di non inquinare ulteriormente l'aria che respiriamo.
Per raggiungere tale obiettivo la bicicletta elettrica non necessita di carburante, quanto piuttosto di una batteria di piccole dimensioni e con una manutenzione semplicissima. Sono una validissima alternativa agli scooter a benzina perchè non necessitano di casco, assicurazione e targa.

Caratteristiche Tecniche:
  • Telaio: alluminio 6061
  • Forcella: ammortizzata
  • Ruota: 28"
  • Freni: Anteriore a disco - Posteriore V-brake
  • Cambio Shimano a 6 velocità
  • Motore: 36V
  • Potenza: 250 W
  • Batteria: 36V/10Ah LITIO
  • Autonomia: 40-50 km
  • Velocità massima: 25 km/h
  • Tempo di ricarica: 4-6 ore
  • Durata della batteria: circa 500 ricariche
  • Peso batteria: 4 kg
  • Peso bicicletta: 29kg
  • Peso massimo utente: 110 Kg
  • Dimensione imballo: 147x26x76 cm
  • Colore: Nero

Questa bicicletta elettrica è conforme al disposto dell'art. 50 del Nuovo Codice della Strada.
E' dotata fin dall'origine del dispositivo per la pedalata assistita.


Summer 2013  Tempo Libero 300 x 250



[12/11/2015] 




Cerca nel blog