Curiosità e divagazioni

sabato 23 novembre 2013

Posted by vic23 on 17:56:00 in , | No comments
Horizon 2020

A breve (primo gennaio 2014) verranno lanciati i bandi di Horizon 2020 che, tra i tanti obiettivi, si propone anche quello di dare un sostegno concreto alle PMI, in modo che possano diventare vero e proprio patrimonio economico, in grado di dare all’UE un ruolo di leadership all’interno del settore industriale.

In un primo tempo, alle piccole e medie imprese si prospetta di dedicare il 15% circa delle risorse disponibili, una quota non indifferente per venire incontro ai bisogni di realtà che spesso, proprio per mancanza di fondi, non possono affrontare; uno sportello unico interamente dedicato, permetterà loro di potersene avvantaggiare.

Affinché gli obiettivi possano essere raggiunti, si prevede di affiancare al sostegno economico anche delle azioni specifiche che permettano di dotarle in un insieme di strumenti non più sparpagliato tra leggi e iniziative, ma finalmente raccolte in un’unica “soluzione”; le PMI devono avere supporti in modo da stimolare la green economy, supporto alle ITC, nanotecnologie, ma devono anche poter aver accesso al capitale di rischio.


Basandosi sul modello dello Small Business Innovation Research è stato messo a punto un nuovo strumento che sarà in grado di dare ascolto alle piccole e medie imprese, permetterà loro di presentare progetti, innovazioni, idee che garantiscano l’accesso e una partecipazione alla pari nelle sfide (da quelle industriali, fino a quelle sociali) che quotidianamente la realtà economica dell’Unione pone; questo strumento dovrà fornire soluzioni innovative e saper rispondere anche a sfide specifiche, purché si abbiano determinati requisiti.

Innanzitutto il sostegno in questo caso è rivolto essenzialmente alle PMI e, nulla vieta a ogni piccola o media impresa di portare con sé anche un secondo partner. Di fatto, anche un solo partecipante è ammesso.

Il sostegno viene concesso seguendo un iter ben preciso che si svolge in differenti fasi: dopo la valutazione (potenziale) del progetto, verranno erogate sovvenzioni che permettano di metterlo in atto, mantenere la proprietà dei DPI, ed eventualmente appoggiarsi a soggetti esterni per la realizzazione del progetto.

In un secondo tempo verranno offerti nuovi sostegni per accedere ai capitali di rischio e al credito grazie a intermediari finanziari ma anche sostegni per innovare o affrontare la materia degli appalti pubblici.

Un occhio di riguardo sarà rivolto all’innovazione, essenziale per rispondere alle sfide della modernità perciò, misure dedicate proprio a migliorare le capacità di innovare, garantendo contatti con ricercatori e innovatori di tutta Europa saranno un priorità.

Punti di Contatto Nazionale (NCP) svolgono in questo ambito un ruolo fondamentale perché hanno il compito di fornire informazioni e orientare chi volesse prendere parte al programma offrendo un supporto personalizzato; finanziati da 27 Stati Membri dell’UE e dagli stati associati al 7° programma quadro, danno informazioni e assistenza su strumenti finanziari, procedure amministrative, programmi di ricerca e offrono un aiuto nella preparazione della proposta.

In Italia è possibile contattarli al numero 0648939993 oppure via mail, dopo aver indentificato quello di proprio interesse dalla tabella contenuta all’interno della pagina raggiungibile da questo link: http://www.apre.it/ricerca-europea/horizon-2020/ncp/ .

0 commenti:

Posta un commento

Grazie per il tuo contributo. Tutti i commenti sono moderati e verranno pubblicati appena possibile.

loading...

Cerca nel blog